.: Polvere di vento :.

Questo Blog non crede ai figli di puttana che ci governano

I Miei Film

leave a comment »

august-rush_rated-one-sht-medium.jpgAugust Rush – La Musica Nel Cuore un titolo che parla. La musica nel cuore, oltre ad essere una frase che avrei potuto scrivere io, è lo specchietto per le allodole che nasconde un film forse leggermente banale ma comunque bello e poetico. Robin Williams, che ve lo dico a fare, è un genio…se il film fosse pessimo basterebbe a salvare tutto…ma non lo è

viaggioinindia.jpgViaggio In India strano e particolare, con punti poetici e su cui riflettere e alcuni piccoli cali di tono. Forse a tratti particolare-un-po’-troppo, comunque un affresco interessante di un’India folcloristica quanto povera

trainspotting.jpgTrainspotting un Danny Boyle meravigliosamente inquietante che conduce nei meandri della tossicodipendenza. Chi ha letto il libro mi dice che rispetto all’originale di Welsh è leggermente più edulcorato. Il dolore, la violenza, l’amicizia, l’amore, nulla ha un senso nella visione distorta di chi ha più sostanze in corpo che sangue. Un cesso che diviene sogno e caccia di due perle perse sui fondali, un bambino gonfio di morte che cammina sul soffitto di una camera da letto e la difficile lotta per riconquistare una libertà che renderà meno drogati, ma non più buoni.

school-of-rock.jpgSchool Of Rock, niente di troppo impegnato, nonostante tutto uno dei miei piccoli cult. Una scolaresca di bambini delle elementari in mano ad un Jack Black magnifico come al solito. Al di là della trama, piacevole e godibile, senza impegnare troppo i neuroni stressati da una settimana di lavoro/scuola/quello-che-volete-voi, da vedere se non altro per la colonna sonora, che scomoda i grandi del rock di sempre unendoli in un mix adrenalico e assolutamente in tema.

artedelsogno_big.jpgL’Arte Del Sogno. Sognare durante il sonno è da tutti, ce lo insegna Gondry in un film allucinante, diviso tra attori in carne ed ossa e spezzoni che non avrebbero sfigurato in una qualsiasi puntata dell’Albero Azzurro. Sogna Stephane, e sogna lo spettatore con lui, perdendo dopo pochi minuti la certezza di cosa aspettarsi nelle scene successive. PS: se qualcuno ha mai visto The Office su MTV provi a confrontarlo con il posto di lavoro di Stephane…

Written by tmonk

10 gennaio 2008 a 9:38 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: